28 ottobre 2016 | by La Redazione Sicilia
I senatori di Italia dei valori hanno firmato un’ interrogazione parlamentare sulle problematiche del nisseno

La questione della sanità finisce fra le istanze del Senato. I senatori del gruppo di Italia dei Valori, Maurizio Romani, vice presidente commissione Sanità senato, e Alessandra Bencini, sono i primi firmatari di una interrogazione parlamentare sulla problematica sanitaria nel territorio nisseno. “La città di Niscemi (in provincia di Caltanissetta) si sviluppa su un territorio […]

La questione della sanità finisce fra le istanze del Senato. I senatori del gruppo di Italia dei Valori, Maurizio Romani, vice presidente commissione Sanità senato, e Alessandra Bencini, sono i primi firmatari di una interrogazione parlamentare sulla problematica sanitaria nel territorio nisseno.
“La città di Niscemi (in provincia di Caltanissetta) si sviluppa su un territorio particolarmente disagiato – si legge nell’ interrogazione – Dal 1985 è infatti inserita, con i Comuni di Gela e Butera, tra i Comuni ad alto rischio ambientale per la presenza a Sud del polo petrolchimico, a Est del sistema di comunicazioni satellitari militari ad alta frequenza Muos e a Ovest di un terri torio che si presenta in grave dissesto idrogeologico; la legge della Regione Siciliana n. 5 del 14 aprile 2009 recante norme per il riordino del Servizio sanitario regionale stabilisce, all’ articolo 6, che le risorse finanziarie disponibili annualmente per il Servizio sanitario regionale previste dalla normativa nazionale e regionale debbano tenere conto di criteri di perequazione finalizzati ad assicurare l’ erogazione uniforme, efficace, appropriata ed omogenea dei livelli essenziali di assistenza in tutto il territorio regionale; il decreto del Ministero della salute n. 70 del 2 aprile 2015, ‘Regolamento recante definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’ assistenza ospe daliera’, definisce nella sezione 9 dell’ allegato 1 il sistema di emergenza -urgenza che opera attraverso le centrali operative 118, la rete territoriale di soccorso e la rete ospedaliera. Al successivo punto 9.2.2 dispone a favore delle Regioni la possibilità di prevedere presidi ospedalieri di base nelle zone particolarmente disagiate, che siano distanti più di 90 minuti dai centri hub o spoke di riferimento (o 60 minuti dai presidi di pronto soccorso), superando così i tempi previsti per un servizio di emergenza efficace. Tali strutture devono essere integrate nella rete ospedaliera di area disagiata e devono essere dotate indicativamente di: un reparto di 20 posti letto di medicina generale con proprio organico di me dici e infermieri, una chirurgia elettiva ridotta che effettui interventi in day surgery o eventualmente in week surgery, con la possibilità di appoggio nei letti di medicina e un pronto soccorso presidiato da un organico medico dedicato all’ emergenza -urgenza”.
L’ entrata in vigore del decreto ministeriale n. 70 ha imposto quindi alla Regione la riprogettazione della rete ospedaliera sull’ emergenza -urgenza, individuando i dipartimenti di emergenza e accettazione (Dea) e gli ospedali di base quali assi portanti dell’ organizzazione dell’ emergenza.
In particolare nella provincia di Caltanissetta i presidi di massime dimensioni saranno due, gli ospedali riuniti di Caltanissetta e San Cataldo, quest’ ultimo non avrà il pronto soccorso, e quelli riuniti di Gela, Mazzarino e Niscemi, in cui l’ unico pronto soccorso sarà a Gela. Nella stessa provincia è stato riconosciuto alla città di Musso meli lo status di presidio in zona disagiata per il quale sarà dunque previsto il presidio territoriale di emergenza.
I senatori chiedono di sapere se il ministro della Salute non ritenga urgente attivarsi, per quanto di propria competenza, al fine di verificare quali valutazioni la Regione abbia posto in essere nell’ escludere la città di Niscemi dalle zone particolarmente disagiate.



Indirizzo Nazionale:
Via di Santa Maria in Via, 12 00187 - Roma

Telefono Nazionale
06-69923306

Email: info@italiadeivalori.it
Le nostre immagini
Ultimi Tweet
Italia dei Valori - Sicilia | Tutti i diritti riservati ©